Viaggio quando posso

Un fine settimana a Bordeaux e dintorni

Tra le mete europee che negli ultimi anni hanno avuto un forte incremento di turismo grazie ai collegamenti low cost, Bordeaux merita sicuramente un posto d’onore. La città francese è una delle mete migliori per un break di pochi giorni: buona parte della sua bellezza la si gusta passeggiando tra le stradine del centro storico, fermandosi a fare un aperitivo o costeggiando il fiume Garonne. A fronte di pochi monumenti di prestigio Bordeaux conserva sempre un’aria vivissima, contagiata dalla vita universitaria, e la possibilità di alcune gite di un giorno al di fuori del contesto cittadino incrementa notevolmente il suo fascino.

Cosa vedere a Bordeaux

Benché anche la rive gauche stia iniziando ad attirare sempre più turisti, la vita turistica a Bordeaux si articola quasi unicamente sull’altro lato della Garonne. Il centro storico, patrimonio UNESCO dal 2007, è consigliabile girarlo a piedi, soprattutto nella zona del Triangolo d’Oro alle spalle di Place des Quinconces e del monumento ai Girondini.

Tappa obbligata per ogni turista è anche Place de la Bourse, dove si trova lo specchio d’acqua artificiale più grande del mondo. Da lì proseguendo verso la stazione, la città sembra cambiare improvvisamente entrando in una dimensione leggermente diversa tra la Cattedrale di Saint-Andrè, la Basilica di Saint-Michel e lo splendido scorcio del Grosse Cloche.

Sulla stessa riva del fiume, ma procedendo invece verso l’estremo opposto, ci sarà la Citè du Vin: un edificio/museo dedicato al vino, le cui forme moderne regalano ancora maggior risalto al prodotto più famoso della città. Gli appassionati di enologia faranno bene però ad andare alla festa del vino, solitamente a giugno, o a regalarsi una gita fuori porta a Saint-Emilion, di cui parleremo a breve.

Non dimenticate di passeggiare anche in quei luoghi che ancora non sono diventati calamite per turisti ma che fanno parte del vero cuore del centro storico: gli splendidi giardini pubblici, perfettamente tenuti nonostante la loro estensione, Chartrons, il quartiere degli artigiani, e il mercato che si tiene alle sue spalle ogni domenica mattina, in riva alla Garonne, dove vorrete comprare e mangiare di tutto. Qui un piatto di ostriche e un calice di vino locale sono un must, ad un prezzo assolutamente ragionevole.

Qui i nostri Tre giorni a Bordeaux nel dettaglio.

Vedi anche Dove dormire a Bordeaux

Un giorno a Saint-Emilion

Se amate il vino non potete assolutamente dire di no a questa esperienza. Saint-Emilion è un piccolo paese raggiungibile in un’ora da Bordeaux in autobus o prendendo un treno e un pullman (di meno in macchina, ma è sconsigliato visto l’alto tasso alcolico che potrete raggiungere a fine giornata). I vigneti assorbono quasi interamente l’economia della zona e le possibilità di degustazione di ottimi vini locali sono a prezzi sorprendentemente buoni, in alcuni casi anche gratis.

Vedi tutti i consigli per Come arrivare e cosa fare a Saint-Emilion

Un giorno alla Dune du Pilat

Prima di partire un po’ di perplessità c’erano, ma arrivandoci sono passate del tutto: la Dune du Pilat è una delle cose più strane e allo stesso tempo più belle che potrete vedere. Si tratta di una gigantesca duna di sabbia, a 60 km da Bordeaux. Da un lato avrete ettari di bosco, che si estendono a perdita d’occhio, dall’altro l’oceano. Una scalinata vi aiuterà a salire in cima, ma per la discesa potrete comodamente rotolare nella sabbia.

Tutte le informazioni e consigli per la Dune du Pilat.

error: Content is protected !! Meow !!