Viaggio quando posso

Un giorno a Saint-Emilion

Bordeaux è una città bellissima, ma durante il viaggio, per gli amanti del vino, sarà obbligatorio trovare il tempo di andare a Saint-Emilion. Una lunghissima distesa di vitigni accompagna il vostro arrivo in questo paesino affollato di turisti e di cantine. Anche la sola bellezza del borgo, patrimonio UNESCO, vale una giornata di visita; a questa però potrete aggiungere la possibilità di assaggiare vini straordinari e di ammirare uno splendido paesaggio lungo il tragitto che vi porterà nella cittadina di Saint-Emilion.

Come arrivare

Da Bordeaux bisogna prendere il treno fino alla stazione di Libourne. Una volta arrivati lì un pullman vi porterà alle porte di Saint-Emilion, prima di un ultimo tratto da fare a piedi costeggiando le distese di vigneti (venti minuti in salita, ma molto bello).

AGGIORNAMENTO: Tra Bordeaux e Saint-Emilion c’è un collegamento ferroviario diretto che vi lascia, però, ugualmente a 2 km dal paese.

Nel complesso l’intera durata del viaggio da Bordeaux può richiedere un’ora o poco più. Se la parte finale rischia di risultare troppo pesante (o semplicemente non vi va di camminare in salita) informatevi prima sulla possibilità di poter prendere alcuni trenini che fanno il giro delle campagne attorno al paese per accompagnare i turisti nelle cantine. Il fatto che questi tuk-tuk non siano sempre presenti negli stazionamenti non consente di dare informazioni più precise.

Per tutte le informazioni sugli orari dei treni e per l’acquisto dei biglietti consultare il sito della sncf.

Da Bordeaux partono anche dei pullman diretti. Ci mettono poco di più, ma vi lasciano a 100 metri dal centro del paese. Ad oggi è la soluzione migliore, ma il collegamento è costante solo in alta stagione. Controllate sul sito della transgironde per evitare brutte sorprese.

Grand Cru, Chateaux e organizzazione

A Saint-Emilion tutto è vino. Ovunque andrete troverete modo di assaggiare qualche buona bottiglia o un buon calice. Ovviamente però, la cosa più consigliata è fare la visita di alcuni degli Chateaux più importanti della zona.

I prezzi sono più che abbordabili e la scelta è vastissima. Grazie all’ottimo lavoro dell’ufficio del turismo di Saint-Emilion potrete anche organizzare tutto nel dettaglio già prima di partire prenotando i diversi giri.

Sul portale del turismo di Saint-Emilion, oltre a poter prendere parte ad alcuni gruppi organizzati, avrete modo di selezionare gli assaggi che più vi interessano suddividendo gli Chateaux in:

  • I segreti della vigna
  • Di generazione in generazione
  • Architetture eccezionali
  • Cave sotterranee

Tra le possibili scelte all’interno del sito non c’è la Premier Grand Cru Class A, ma, per chi non fosse un esperto di vini, è importante sapere cosa sia. Si tratta della più alta classificazione per un vino prodotto nelle zone di Bordeaux: questa denominazione spetta infatti all’élite dei vini “Saint-Emilion Grand Cru” e viene rivista, non senza polemiche, circa ogni dieci anni.

Senza organizzazioni o prenotazioni avrete comunque modo di visitare qualche cantina. Alcuni giri con degustazione sono del tutti gratuiti e in tutti i ristoranti o bar potrete gustare buoni vini senza dover ascoltare la lunga spiegazione sulla produzione di una determinata etichetta.

Tra le altre attrattive di Saint-Emilion ci sono una splendida chiesa monolitica del XI secolo, nel cuore del paese, e il chiostro dei Condeliers, uno dei monumenti storici della città medievale in cui avrete modo di assaggiare un buon vino spumante all’aria aperta in un’atmosfera davvero particolare.

Dal piazzale in cui arrivano i pullman partiti da Bordeaux, nella parte più alta del paese, troverete anche alcuni trenini rossi che garantiscono trasporto e assaggi in tre Chateaux e uno splendido giro tra le campagne vicino Saint-Emilion.

Qui tutti i consigli per passare tre giorni a Bordeaux senza perdere niente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !! Meow !!